Apertura delle selezioni 2018 per il co-finanziamento di progetti per la qualità del paesaggio

È possibile partecipare alla selezione, per l’anno 2018, per ottenere il co-finanziamento per i progetti per la qualità del paesaggio ai sensi Legge Regionale 16 giugno 2008, n. 14, Norme per la valorizzazione del paesaggio.

La Legge Regionale 16 giugno 2008, n. 14, Norme per la valorizzazione del paesaggio, indirizza le azioni e gli interventi della Regione verso politiche di valorizzazione e di riqualificazione del paesaggio, riconoscendolo quale componente essenziale del contesto di vita della popolazione.

La legge regionale è stata seguita dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 16-11309 del 27 aprile 2009, che ha approvato i “Criteri e le modalità per la presentazione dei progetti per la qualità paesaggistica e individuazione dei parametri economico finanziari per l’assegnazione del finanziamento. Criteri di attribuzione e modalità di erogazione del finanziamento per i concorsi di idee o di progettazione”, successivamente integrata con la Deliberazione della Giunta Regionale n. 29-13615 del 22 marzo 2010, che sono il riferimento per la presentazione dei progetti.

Entro il 31 gennaio di ogni anno le province, i comuni, le comunità o le unioni di comuni montane o collinari, nonché le altre forme di associazionismo comunale con altri soggetti pubblici o privati, possono presentare la richiesta di co-finanziamento per la realizzazione di:

   - progetti di recupero, riqualificazione e valorizzazione della qualità paesaggistica e realizzazione di elementi paesaggistici integrati con il contesto;
   - concorsi di idee o di progettazione che riguardino progetti di paesaggio.

Ogni anno la Giunta regionale, sulla base delle risorse disponibili, sentite le Province e acquisito il parere, approva un Programma di interventi per il co-finanziamento delle azioni a sostegno del paesaggio.

I progetti meritevoli sono co-finanziati con una quota regionale massima del 60% del costo delle opere ed erogati in due trance: un acconto pari al 50% della spesa ammessa a contributo al momento dell’inizio dei lavori e una seconda quota, pari al restante 50%, a saldo del contributo, al termine dei lavori.