Educazione al paesaggio: una sperimentazione nella scuola primaria

Il paesaggio è uno degli elementi che costituiscono il patrimonio di una comunità, rappresenta il suo spazio di vita e contribuisce a determinare adeguate condizioni di vivibilità per il presente e per le generazioni future: promuoverne la conoscenza e favorire la consapevolezza del suo valore è uno dei compiti principali di una società.

È quindi importantissimo che le giovani generazioni acquisiscano le basi della conoscenza, del rispetto e della cura del paesaggio e dei suoi valori identitari, all'interno del sistema educativo, partendo dalle fasce più giovani.
Una delle attività avviate con la campagna di comunicazione Paesaggiopiemonte riguarda il tema dell'educazione ai valori del paesaggio, da declinare nella formazione scolastica, a partire dalla scuola primaria.
Nell'ambito del progetto Orizzonti UNESCO tra Agliano e Castelnuovo: i paesaggi della via del mare (di cui vi avevamo raccontato la genesi qui), finanziato nel 2018 con la legge regionale n. 14/2008 "Norme per la valorizzazione del paesaggio”, è stata avviata, nelle scuole elementari dei comuni di Castelnuovo Calcea e Agliano Terme, la prima sperimentazione delle modalità didattiche proposte da Paesaggiopiemonte con il kit didattico dedicato.

Le maestre Silvia Fanelli ed Elisa Mazzucco, della scuola di Agliano Terme, e le maestre Maria Teresa Penna, Rita Pavese e Neva Penna della scuola di Castelnuovo Calcea hanno lavorato con gli alunni nel corso dell'anno scolastico 2019.
Sono state affrontate con i bambini diverse letture del paesaggio, in modo da evidenziare la trasversalità e la complementarità del tema con le altre materie di insegnamento: la storia, l’educazione civica, la geografia e le scienze naturali, relazionate agli ambienti di vita degli alunni e alla vivibilità presente e futura. Si è preso in esame in particolare:
   - il paesaggio visto attraverso il rapporto uomo-natura, inteso come la ricerca di un vivere equilibrato finalizzato al benessere dell'uomo nel rispetto delle componenti ecologiche, culturali, ambientali;
   - il paesaggio come fattore di identità, capace di raccontare le società che lo hanno realizzato nella storia e che oggi lo costruiscono e lo abitano, nonché di rafforzare il senso di apparteneneza ai luoghi;
   - il paesaggio come "bene pubblico", ricchezza di una comunità, da proteggere, rispettare e tramandare alle generazioni futuure.


Qui sotto potete vedere una sintesi illustrata del lavoro svolto.
Ringraziamo le scuole, le insegnanti e gli alunni coinvolti: paesaggisti si diventa, fin da piccoli!

 

pagina1

 

 

pagina2