Il paesaggio nella cooperazione tra Italia e Francia

Il programma Interreg Alcotra Italia-Francia affronta il tema del paesaggio, nelle sue diverse e molteplici sfaccettature: la natura, il clima e i suoi cambiamenti, l’azione dell’uomo, la storia e le tradizioni. La cooperazione territoriale europea, di cui Alcotra è uno dei programmi transfrontalieri, nasce con l’intento di instaurare una collaborazione tra gli Stati europei, e non solo, su tematiche che non hanno confini, con l’ambizione di fissare obiettivi e strategie comuni.

Il cuore dei progetti di cooperazione è rappresentato dal “valore aggiunto transfrontaliero”, cioè quel valore che le attività acquistano perché si realizzano insieme e che diversamente non potrebbero ottenere. Molti aspetti che riguardano la salvaguardia del paesaggio possono infatti essere affrontati con soluzioni comuni attraverso il confronto di esperienze portate avanti dagli Stati confinanti, in considerazione del fatto che condividiamo i medesimi obiettivi.
Le Alpi costituiscono un patrimonio transfrontaliero comune, ricco di beni geomorfologici e paesaggistici di alto valore, e rappresentano un ambiente unico dal punto di vista della biodiversità e della frequentazione turistica. Sono perciò chiamate a rispondere all'impatto del cambiamento climatico con azioni di mitigazione che permettano la salvaguardia della natura e dell'attrattività del territorio negli anni a venire. Le fonti scientifiche di riferimento sostengono che, nei prossimi anni, le regioni alpine e mediterranee dovranno far fronte a impatti dovuti ai cambiamenti climatici che, combinandosi agli effetti dovuti alle pressioni antropiche sulle risorse naturali, fanno di quest’area una delle zone più vulnerabili d’Europa.

coeuralp cjean marc blache2

L’arco alpino presenta quindi numerose sfide in tema di paesaggio e l’Unione Europea, attraverso i programmi di cooperazione e la strategia macroregionale alpina EUSALP, offre uno strumento importantissimo per studiare soluzioni e finanziare progetti che possono avere impatti molto positivi sui nostri territori.
Uno degli obiettivi di policy di EUSALP riguarda in particolare l’ambiente e l’energia rinnovabile: a esso si ispirano gli obiettivi specifici del programma Alcotra Italia-Francia, dedicati alla tutela e valorizzazione dell’ambiente, alla gestione dei cambiamenti climatici, alla prevenzione dei rischi naturali e al miglioramento dell’efficienza energetica.
Molti partenariati italo-francesi si sono costituiti già a partire dalla programmazione 2000-2006 e si sono consolidati nel tempo, lavorando insieme alla costruzione e alla realizzazione di progetti anche nelle programmazioni successive, 2007-2013 e 2014-2020.

Nel periodo di programmazione 2014-2020, sono stati finanziati alcuni progetti transfrontalieri, che hanno visto la partecipazione di soggetti pubblici e privati dei due lati della frontiera, con l’obiettivo di favorire l’introduzione di misure di adattamento ai cambiamenti climatici nell’ambito della pianificazione territoriale e paesaggistica delle amministrazioni locali. Nello specifico, si possono citare esempi di azioni che mirano al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici pubblici sul territorio transfrontaliero attraverso la diffusione di nuovi modelli di bioedilizia fondati sulla valorizzazione delle risorse e delle filiere locali e il rafforzamento delle filiere locali transfrontaliere per la produzione di eco-materiali. Tra le attività finanziate sono di grande importanza anche i percorsi formativi specifici nel campo della bioedilizia e della conoscenza dei materiali.
Altra filiera di progetti, fiore all’occhiello del programma Alcotra, è quella finalizzata alla messa in sicurezza del territorio e alla gestione dei rischi naturali – dalle alluvioni alle valanghe, dagli eventi sismici agli incendi – con l’obiettivo di migliorare la resilienza dei territori.
Le azioni riguardano i processi di informazione e comunicazione, la presa di decisioni, l’allerta e la gestione delle situazioni di crisi, con il coinvolgimento attivo della popolazione.
Il principio ispiratore è quello di considerare il territorio transfrontaliero come un grande laboratorio, dove affrontare l’insieme dei rischi in modo innovativo, al fine di attuare politiche condivise che implicano la partecipazione attiva dei cittadini.

Sono, infine, attesi impatti positivi e di lungo termine da alcuni progetti che mirano a favorire l’uso responsabile delle risorse naturali, attraverso la sensibilizzazione degli amministratori locali e dei cittadini; lo sviluppo di una maggiore sensibilità verso attività turistiche sostenibili e rispettose del paesaggio, tramite la diffusione della cultura della mobilità a basso impatto ambientale; la promozione di itinerari alla riscoperta della natura e del paesaggio.

 

Per saperne di più, potete consultare il sito internet del Programma europeo di cooperazione transfrontaliera Interreg ALCOTRA e la scheda informativa del sito di Regione Piemonte.

 

Simona Piumatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.