Orizzonti UNESCO tra Agliano Terme e Castelnuovo Calcea

I paesaggi della via del mare: un progetto pilota per valorizzazione del paesaggio vitivinicolo delle colline del Monferrato Astigiano. I Comuni di Agliano Terme e di Castelnuovo Calcea, in accordo con la Regione Piemonte, stanno predisponendo uno studio di analisi e di progettazione paesaggistica che ha come obiettivo quello di riconoscere e rafforzare i valori identitari del territorio e le peculiari caratteristiche paesaggistiche.


A tal fine, in data 28 settembre 2018 tra la Regione Piemonte – rappresentata dall’Assessore all’Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Alberto Valmaggia – e i Sindaci di Agliano Terme e di Castelnuovo Calcea, Franco Serra e Roberto Guastello, è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa per la redazione dello Studio, che coinvolgerà i “Territori e i paesaggi patrimonio dell’UNESCO” dei due Comuni, posti lungo la Strada provinciale Asti-Nizza Monferrato, “la Via del mare”.
Lo studio è cofinanziato dalla legge regionale n. 14/2008 "Norme per la valorizzazione del paesaggio", legge che incentiva progetti di qualità e azioni di conoscenza e sensibilizzazione mirati ad accrescere la consapevolezza dei valori dei paesaggi.
Il progetto, a firma dell’architetto Pierluigi Ramello e del Dr. Agronomo Forestale Ernesto Doglio Cotto, con il coordinamento del “Gruppo di lavoro della Regione Piemonte”, attraverso lo sviluppo di analisi del paesaggio, l’individuazione delle aree sensibili, la formulazione di modelli operativi di sviluppo, di tutela e di valorizzazione paesaggistica e la realizzazione di proposte progettuali, intende dimostrare come una progettazione di qualità rispettosa del contesto paesaggistico possa sottolineare e rafforzare i valori identitari del territorio e accrescere la consapevolezza e la sensibilità della popolazione.
Lo studio, da considerarsi quale progetto pilota per i paesaggi vitivinicoli delle colline del Monferrato Astigiano, replicabile in altri contesti caratterizzati da analoghi valori, intende inoltre definire un modello metodologico di dialogo inter-istituzionale e fra istituzioni e cittadini per migliorare la consapevolezza, la qualità e la vita delle comunità e degli individui che riconoscono il paesaggio come Bene Comune.